SATURNIA

Il Borgo di Saturnia e le Terme si trovano vicino all’Agriturismo Saragiolo. Il paese, che sorge su una collina da dove domina le famose sorgenti termali di Saturnia, è una frazione del comune di Manciano in provincia di Grosseto nella Maremma Toscana. Secondo una leggenda è la più antica città italica, fondata dai Romani che edificarono la località lungo la via Clodia vicino alla Necropoli Etrusca di Pian di Palma e alle acque termali. Con il declino di Roma iniziò per Saturnia un periodo di decadenza dal quale uscì nel Medioevo grazie ai Conti di Tintinnano. Nel duecento passò agli Aldobrandeschi e nel 1274 entrò a far parte della Contea di Sovana. Negli anni successivi venne controllata prima da Orvieto poi dagli Orsini e in seguito dalla Repubblica di Siena fino a metà del cinquecento, quando entrò a far parte del Granducato di Toscana.

Le Cascate del Mulino di Saturnia – Le Cascate del Mulino si trovano a 3 km dall’Agriturismo Saragiolo e a poche centinaia di metri dal parco delle piscine delle Terme di Saturnia. L’acqua che scorre dalla sorgente delle Terme di Saturnia e origina le cascate, nasce da un cratere vulcanico per poi defluire lungo un ruscello naturale (il Gorello) per circa 500 metri, dove un dislivello genera le rapide che sfiorano un antico mulino e formano una serie di piscine naturali scavate nelle rocce di travertino, creando “uno spettacolo naturale unico al mondo”. L’ingresso alle cascate è gratuito, in Agosto è possibile fare il bagno anche di notte. Le acque termali di queste cascate hanno una temperatura costante di 37,5°C e notevoli proprietà terapeutiche e curative. Sono efficaci per curare i vari problemi della pelle, le malattie cardiovascolari del ricambio e respiratorie, abbassano la pressione, depurano il fegato, aiutano la digestione e la respirazione.

Cosa vedere a Saturnia – Nel centro storico del Borgo di Saturnia ci sono molti monumenti da vedere: innanzitutto la Chiesa di Santa Maria Maddalena, eretta nel Medioevo e restaurata completamente nei primi anni del 1900; la Rocca Aldobrandesca, costruita nel XII sec. e il castello Ciacci edificato, al suo interno, in epoca fascista; Il palazzo Panciatichi-Ximenes, risalente al Rinascimento; Il Museo Archeologico, dove si trovano i reperti scoperti nelle vicine Necropoli Etrusche; il Castellum Aquarum, di epoca romana, utilizzato come cisterna delle acque piovane; La Cinta Muraria e La Porta Romana. Fuori dal centro abitato c’è la Necropoli del Puntone, ricca di tombe e testimonianze del passato Etrusco di Saturnia.